Benvenuti nella galleria fotografica dell'Ateneo di Scienze Lettere ed Arti di Bergamo "1919 - 1939, un ventennio a Bergamo e nel suo territorio"

Home / Album / Soregaroli Pierino /

Soregaroli 04

Soregaroli con il figlio in visita ai luoghi delle guerra5.jpg Soregaroli 03MiniatureSoregaroli 04SSoregaroli 03MiniatureSoregaroli 04SSoregaroli 03MiniatureSoregaroli 04SSoregaroli 03MiniatureSoregaroli 04S

Soregaroli in visita al cimitero della Brigata Arezzo.
Il cimitero fu progettato da Antonio Sant'Elia, autore del Manifesto dell’architettura futurista e uno dei più importanti esponenti di questo movimento. Il Sant'Elia nel 1916 si trovava sul fronte carsico dove ricevette l’incarico di progettare il cimitero per la Brigata Arezzo a Monfalcone, con tombe disposte in fila e allineate secondo la gerarchia militare. Il 10 ottobre 1916, a soli 28 anni, viene ucciso durante un assalto a Quota 85 e sepolto nel cimitero da lui stesso progettato e che non era riuscito a a vedere terminato. Antonio Sant'Elia fu premiato con ben 2 medaglie d'argento, di cui una dopo la morte, per il suo eroico comportamento durante la guerra.
Il cimitero non esiste più, oggi al suo posto c’è un parcheggio.